Senza titolo-2

Comunicato Stampa

Ragusa – Lunedì 02 novembre 2015

La Pallamano Ragusa compie limpresa e riesce a violare 

il difficile terreno di gioco della Pgs Risurrezione Catania 

Sugli scudi la prestazione del portiere Javier Carlos Anzaldo

 

Javier Carlos AnzaldoLa Pallamano Ragusa ci ha preso gusto. E continua a confermare il proprio stato di forma riuscendo a violare anche il difficile terreno di gioco della Pgs Risurrezione Catania. Ieri pomeriggio, il sette allenato da Danilo Scalone si è imposto con il risultato di 22-19 (primo tempo 12-11 per i ragusani) al termine di un match caratterizzato da molti alti e bassi. “E’ proprio la continuità quella che dobbiamo puntare a trovare – afferma il tecnico – così come era accaduto nella gara d’esordio, anche stavolta, a Catania, durante la prima frazione di gioco abbiamo avuto parecchie difficoltà a carburare. Infatti, siamo sempre stati sotto sino a quando, nel finale di tempo, non abbiamo ripreso in mano le redini della partita, concludendo la frazione avanti di un punto”. La difesa arcigna degli etnei ha creato più di qualche difficoltà ai ragusani. I quali, nella ripresa, hanno deciso di attaccare alto mettendo a segno qualche rete in più. Ma è ad un certo punto del secondo tempo che si è consumata la svolta, quando il portiere ibleo Javier Carlos Anzaldo ha deciso di chiudere la saracinesca della propria porta e per gli avversari non c’è stato più nulla da fare. Né rigori, né tiri dall’ala e men che meno da fuori. La Pgs Risurrezione, di fronte a un portiere in formato super, non ha più trovato alcuno spunto per mettere a segno una rete. La Pallamano Ragusa, invece, ha continuato a macinare gioco sino a piazzare il break decisivo che ha consentito alla squadra di portare a casa il secondo successo consecutivo. Occorre sottolineare, inoltre, che alla squadra di Scalone sono stati rifilati ben sette espulsioni da due minuti per cui per ben quattordici minuti gli iblei hanno giocato in inferiorità numerica. Inoltre, cartellino rosso definitivo per Salvatore Girasa. “Ad ogni modo – dice il presidente Giuseppe Girasa – l’importante era portare a casa il risultato. E ci siamo riusciti. Però, non dobbiamo entusiasmarci più di tanto anche perché, così come messo in rilievo dal tecnico, la squadra continua ad essere condizionata da queste pause per cui occorre continuare ad allenarsi con grande dedizione e consapevolezza dei propri mezzi”. La prossima partita sarà giocata in casa con il San Cataldo.

 

Staff Pallamano Ragusa

Ufficio stampa Giorgio Liuzzo