Serie B in Sicilia

Serie B in Sicilia al via il 13 e 14 ottobre; ai nastri di partenza anche la KeyJey Pallamano Ragusa

Si sono riunite sabato scorso le società siciliane di pallamano che animeranno il campionato di Serie B stagione 2018/2019. Era presente il presidente del comitato regionale Figh Sandro Pagaria.

La B prenderà il via nelle giornate del 13 e del 14 ottobre mentre l’under 15 comincerà la propria attività a metà novembre. Undici le squadre iscritte al campionato tra cui la Keyjey Dnm Pallamano Ragusa. La formula sarà quella del girone di andata e ritorno.

Solo la prima di ogni regione andrà a disputare la finalissima per accedere in Serie A2.

Oltre a Ragusa, parteciperanno al campionato Scicli, Avola, Albatro Siracusa, Aretusa Siracusa, Messina, Villaurea Palermo, Cus Palermo, Il Giovinetto Petrosino, Nova Audax Caltanissetta, Girgenti. Sei, invece, le squadre che faranno parte del girone under 15.

Sono Ragusa, Scicli, Rosolini, Avola, Albatro e Aretusa. In questo caso la formula è quella dell’andata e ritorno mentre a seguire si terrà la fase ad orologio. Sono ben 77 le squadre iscritte in tutta la Sicilia ai vari campionati che si disputeranno nel corso dell’anno.

Numeri molto importanti che dimostrano il fatto che in Sicilia la pallamano sta conoscendo un vero e proprio boom. “In casa Ragusa – spiega il presidente Giuseppe Girasa – si sta lavorando molto duramente per cercare di arrivare alla prima di campionato il più in forma possibile.

Infatti, prima dell’inizio ufficiale della stagione sono previste delle amichevoli proprio per testare le condizioni del nostro sette. Anche se, a dirla tutta, avevamo avuto modo di effettuare un primo rodaggio in occasione della coppa Keyjey delle due isole”.

Squadra sicuramente da battere e che punterà al primato sarà l’Albatro Siracusa che, nonostante possa vantare un importante organico rimasto dagli anni trascorsi in Serie A1, ha fatto registrare un ottimo mercato in entrata con la presenza di argentini di rilievo.

 

Staff Pallamano Ragusa
Ufficio stampa Giorgio Liuzzo